Blog

10 Complessi Nuragici: Un’Indimenticabile Esperienza 0 Comments

10 Complessi Nuragici: Un’Indimenticabile Esperienza

Alcuni villaggi nuragici sorgono isolati, mentre altri sono collegati tra di loro da muri di recinzione che racchiudono le capanne. Le popolazioni nuragiche spesso abitavano in villaggi addossati alle torri principali. Erano per lo più insiemi di semplici capanne con il tetto di tronchi e rami, intonacate all'interno con del fango o argilla, e a volte isolate con sughero. Nell'ultima fase della civiltà nuragica si sviluppano capanne a settori affacciati su un cortiletto spesso dotato di un forno per il pane. Caratteristiche sono le capanne delle riunioni, con un sedile in pietra tutt'intorno, probabilmente per le assemblee delle autorità del villaggio.

  1. Il Villaggio Nuragico di Tiscali (a 116 Km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 1h 30m di auto) (a Dorgali, poi trekking) Dentro il monte sardo Tiscali, un vero fortilizio della natura, in uno dei luoghi più strategici e impervi del Supramonte, sono presenti i resti di un villaggio nuragico, del periodo fra XV e VIII secolo a.C. Un territorio che è tutto un parco archeologico all’aria aperta.

  2. Tharros Città Fenicia (a 220 km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 2h 38m di auto) Camminare tra le vestigia di Tharros si può respirare la storia sarda rimanendo incantati di fronte alla cultura delle civiltà del passato in questo splendido museo all’aria aperta. Dopo i Fenici, Tharros venne occupata e ampliata dai cartaginesi e, successivamente alle guerre puniche, fu conquistata da Roma. In età imperiale furono costruiti l’acquedotto, le terme e le strade lastricate di basalto. 

  3. Complesso Nuragico Di Santa Cristina A Paulilatino (a 178 Km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 2h di auto) Nel verde dove crescono olivastri vi è un grande recinto ovoidale dentro il quale un recinto sacro a forma di buco di serratura che a sua volta contiene un vestibolo e la scala trapezoidale del pozzo sacro, costruito con pietre levigate, un capolavoro di perfezione geometrica che celebra l’affascinante culto nuragico delle acque. 

  4. Su Nuraxi': il Complesso Nuragico di Barumini (a 260 Km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 3h 30m di auto) Su Nuraxi, nella sua completezza, ci racconta meglio di altri siti nuragici sardi con più di una torre, la storia che risale a più di 3000 anni fa quando, per difendere il territorio, furono eretti per una funzione militare molto simile ai bastioni medievali.

  5. Complesso Nuragico “Sa Seddà ‘E Sos Carros” (a 127 Km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 2h di auto) L’epoca è la stessa delle piramidi dell’antico Egitto, oppure degli Ziqqurat della Mesopotamia, luoghi che ci hanno lasciato dei fantastici reperti archeologici, come questo Complesso Nuragico che in sardo vuol dire “il punto di passaggio dei carri” ad indicare forse l’attività commerciale che ferveva nel luogo.

  6. La 'Stonehenge' della Sardegna: Pranu Mutteddu (a 290 km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 3h 20m di auto) La combinazione del patrimonio monumentale con quello ambientale, la varietà dei colori e delle fragranze che gli arbusti sempreverdi della macchia, donano al sito una suggestione e una particolarità che merita di essere visitata.

  7. Complesso Nuragico Di Albucciu (a 29 km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 38m di auto) Il passato è difficile da interpretare, perché arriva a noi in brandelli e con lo studio, la ricerca e la passione cerchiamo di dargli l’aspetto quanto più simile all’originale interpretandolo nel modo più plausibile possibile.

  8. Nuraghe La Prisgiona (a 31 km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 40m di auto) Uno dei siti nuragici più interessanti della Sardegna nord-orientale, una roccaforte nuragica che racconta l’importanza dello sviluppo dei suoi abitanti. Visitandola si compie un viaggio in un trapassato remoto, scoprendo l’ingegno e lo splendore di un monumento nuragico immerso sia nel verde della macchia mediterranea che nel mistero che l'avvolge. 

  9. Giganti di Mont’e Prama (a 208 km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 2h 30m di auto) È stata così scoperta la più importante necropoli nuragica, un sepolcro di eroi, avvolto da un alone di leggenda. Le statue rappresentano giovani uomini: 16 pugilatori, 6 arcieri, 6 guerrieri.  Le 28 possenti sculture sono le uniche statue di pietra del Mediterraneo, risalenti a tremila anni fa, che il mondo nuragico ci ha riconsegnato. 

  10. Fortezza Nuragica Di Monte Sirai (a 324 km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites e 3h 40m di auto) All’arrivo l’occhio si perde in una grande distesa di pietre ordinate, di sassi riportati alla luce che però ne ipotizzano altrettanti ancora sotterrati. Della sua antica gloria sono rimaste solo le pietre, le ossa della terra. Ossa interrate nella madre terra, quasi radici di vita. E’ fantastico il paragone, che ci arriva da scritti remoti, dove la pietra rappresenta le radici della creazione divina.

“Cosa resta nella terra quando il tempo ha setacciato la vita? Restano i frammenti, le macerie. Se l’antico sopravvive attraverso le rovine, che sono l’opera d’arte della natura, e attraverso i reperti, l’archeologia forse è il momento supremo, il kairos, dell’immortalità.” (Flaminia Cruciani)

--

di Daniela Toti

Photo: Nuraghe di Palmavera - photo credits Laura Mor

Condividi i tuoi commenti con noi!