Blog

Annarita Serra: Trasformare La Plastica In Opere D'Arte 0 Comments

Annarita Serra: Trasformare La Plastica In Opere D'Arte

“Avevo due sogni nella mia vita: lavorare con l’arte e salvare il mare. Ho scoperto negli anni, che uno dei due mi aiuta a realizzare l'altro, che l’arte mi aiuta a salvare il mare. So che lo sto facendo perché oggi, dopo vent’anni, non sono più sola.

Annarita Serra è un’artista sarda di nascita e milanese di adozione. Da ragazzina frequenta a Milano il liceo artistico, specializzandosi nel restauro di quadri antichi e si iscrive alla facoltà di Architettura ma non la completa perché inizia a lavorare.

Un giorno, in Nuova Zelanda per lavoro, riscopre l’anima e i colori del mare,  anima e colori che la riportano al suo mare in Sardegna e decide di tornare alla sua isola natale quasi in un viaggio del ricordo. Il viaggio termina a Piscinas, nel novembre di 20 anni fa. Passeggiando lungo i 50 km di costa bagnata da un mare di un colore incredibile e ricca di dune di sabbia purissima comincia a raccogliere centinaia di rifiuti levigati dal mare che deturpano la meraviglia di quella spiaggia. Il mare le ha chiesto aiuto e lei vuole ascoltarlo dedicandogli la sua arte. E questa miriade di pezzi di plastica nelle mani dell’artista si trasformano in opere di creatività. Annarita crea le sue composizioni non più servendosi del solo pennello ma anche di avvitatore, viti, colla e martello, e come un maestro del riciclo comincia a lavorare su  questo patchwork colorato.

Dal mare della Sardegna prende tutto ciò che restituisce alla spiaggia: monetine, tappi di plastica, tasti di PC, Cotton Fioc, capsule di caffè, bijoux rotti, coperchi di metallo, infradito africani, giochini rotti, gambe e braccia di bambole, macchinine…e li trasforma in immagini famose, alcune delle quali:

  • La Lanterna di Genova (cm 100 x 100) Plastica dal Mare 2009

  • La Libertà è Partecipazione (Statua della Libertà -  cm 100 x 100) Plastica dal Mare 2011

  • Il Cappellaio Matto (cm 90 x 90) Plastica dal Mare 2012

  • La Venere (di Botticelli - cm 100 x 100) Plastica dal Mare 2012

  • Betty Boop (cm 90 x 90) Capsule Caffè 2014

  • Vermeer (la ragazza con l’orecchino di perla - cm 100 x 100) Plastica dal Mare 2014

  • Frida (autoritratto - cm 90 x 90) Plastica dal Mare 2014

Ma è una trash-art che di trash ha davvero poco. Annarita crea un prodotto nuovo di gradazioni del colore elegantemente conseguito che realizza i due sogni della sua vita: lavorare con  l’arte e salvare il mare sensibilizzando la necessità della lotta contro la plastica che lo fa morire. 

--

di Daniela Toti

Condividi i tuoi commenti con noi!