Blog

Atzara: un tour tra i borghi medievali 0 Comments

Atzara: un tour tra i borghi medievali

Atzara, il cui borgo nacque intorno all’anno 1000, dista 190 km dal Gabbiano Azzurro Hotel & Suites, a 2 ore e 20 minuti di strada. Nel percorso si passa da Posada, altro borgo che vale la pena conoscere. Entrambi famosi per i loro centri storici, appartengono ai 200 borghi più belli d’Italia, ricchi di ricchezza naturale, storica, artistica e culturale. La peculiarità del borgo di Atzara lo vuole partecipe, con i borghi di Castelsardo e di Posada a “La Notte Romantica dei Borghi più belli d’Italia- la notte bianca degli innamorati” il 23 Giugno 2018, una serata dedicata ai sentimenti e alle emozioni.  

Atzara è situato nella conca del fiume Araxisi sul versante occidentale del Gennargentu, in Barbagia. Fece parte del giudicato di Arborea e alla sua caduta (XV secolo) passò agli Aragonesi. Fu recuperato dai Savoia nel 1839.

Vicoli e viuzze incantevoli confluiscono nella piazza della Chiesa gotico-aragonese di Sant'Antioco Martire, della fine del XV secolo 1400, dotata al suo interno di  una pregevole statua lignea della Vergine del XVI secolo e di argenterie del cinquecento. Le costruzioni di architettura di sapore catalano, conservano cornici in trachite lavorate a scalpello e le antiche case di granito hanno i solai in antiche assi di quercia.

Incastonato come moderna pietra preziosa in un antico gioiello, nel centro sorge il Museo d’Arte Moderna e Contemporanea dedicato al pittore spagnolo Antonio Ortiz Echague che visse ad  Atzara il suo periodo più ispirato e vi dipinse nel 1908 la sua opera più importante, la “Fiesta de la cofradia de Atzara”  

Importante è l’artigianato di cassapanche in legno scolpito e lavori al telaio, come i tappeti, gli arazzi e le coperte a pibiones ma soprattutto la coltura vitivinicola. Sin dal Medioevo, grazie al microclima idoneo alle sue vigne, i vini prodotti ad Atzara sono eccellenti, uno per tutti il Mandrolisai che già nel Quattrocento allietava le tavole del Giudicato di Arborea.

La Sardegna è una di quelle cose che o si amano o si adorano. (cit.)

 

--

di Daniela Toti

 

 

Condividi i tuoi commenti con noi!