Blog

Capo Figari E L'Isola Di Figarolo 0 Comments

Capo Figari E L'Isola Di Figarolo

Golfo Aranci non è famosa solo per le sue splendide spiagge e l'acqua di mare incontaminata. Questo piccolo villaggio di pescatori ha molto altro da offrire.

Il trekking immersi nella splendida macchia mediterranea è una valida modo alternativa per trascorrere una giornata nuvolosa o una mite giornata di mezza stagione.

Il percorso più importante è forse quello che conduce al promontorio di Capo Figari, una riserva naturale ricoperta di ginepri e lecci, dove non è raro incontrare mufloni selvatici e falchi pellegrini.

Una volta raggiunta la cima del promontorio, a 342 mt, il panorama di cui si può godere è semplicemente straordinario. Da lì, si può godere della splendida vista del Golfo su Olbia e le sue coste con acque cristalline e scogliere selvagge.

Nel 1932, Guglielmo Marconi (inventore e ingegnere elettrico italiano noto per il suo lavoro pionieristico sulla trasmissione del segnale radio a lunga distanza e per il suo sviluppo della legge di Marconi e di un sistema radiotelegrafico) fondò il suo osservatorio proprio sulla cima di Capo Figari. Da lì ha inaugurato il primo collegamento radio su acqua tra la Sardegna e la Rocca di Papa, vicino a Roma.

Ciò che resta dell'edificio dell'osservatorio è aperto e può essere visitato liberamente, soprannominato dai locali "Il Semaforo di Marconi". In precedenza era utilizzato come fortezza militare e progettato per ospitare gli ufficiali non ammessi della Marina Militare.

Il percorso per arrivare qui è ben mantenuto, una camminata di circa un'ora, un po 'ripido ma facilmente accessibile e sicuramente gratificante.

Di fronte al promontorio si trova l'Isola di Figarolo, una piccola e ripida isola a 139 metri sul livello del mare che caratterizza fortemente il paesaggio del Golfo Aranci ed è principalmente costituita da roccia calcarea che giace su una base sottomarina di granito, molto simile all'Isola di Tavolara. Come Tavolara e Molara, Figarolo è raggiungibile solo via mare.

Il relitto di una vecchia nave mercantile, affondata nella seconda metà del 1900, può essere visitato in immersione, grazie all'aiuto delle guide esperte dei centri di immersione locali.

Il trekking a Capo Figari non è solo un'escursione, ma una vera esperienza emotiva, impossibile da dimenticare. Potete chiedere al Concierge del Gabbiano Azzurro Hotel & Suites la mappa con tutti i sentieri escursionistici segnati, disponibili per visitare la riserva naturale del promontorio di Golfo Aranci.

--

di Daniela Toti

Condividi i tuoi commenti con noi!