Blog

Eleonora D'Arborea 0 Comments

Eleonora D'Arborea

Quando si parla di lei, il confine tra realtà e mitologia non è sempre chiaro. Storia e leggenda raccontano di una donna eccezionale: Eleonora, Giudicessa d’Arborea. Verso la metà del 1300, la Sardegna era divisa in quattro Regni indipendenti, i Giudicati di Torres, di Gallura, di Cagliari e di Arborea, governate ciascuna da un Re chiamato Giudice.

Il padre di Eleonora, Mariano IV de Bas-Serra Giudice d’Arborea, aveva il sogno di riunire i quattro giudicati sotto la casa di Arborea e Eleonora e il fratello si impegnarono in questo progetto, anche impugnando entrambi le armi.

Verso il 1390 Eleonora lascia proseguire la guerra al marito e si dedica alla Carta che spera possa dare tranquillità al regno. Rielabora e unifica i due codici preparati dal padre e dal fratello, il “Codice De Logu” e il “Codice Rurale” e promulga la nuova “Carta de Logu” (carta del popolo) che con i suoi 198 capitoli è considerata “il maggior monumento legislativo della Sardegna medievale”.

Lungimirante precursore, anticipa lo stato di diritto con un codice civile e penale. Tutti gli uomini sono uguali davanti alla legge e introduce il rispetto della volontà delle donne e la tutela della famiglia.

Interessante è la regolamentazione degli incendi che, allora come ora, erano una calamità del territorio, regolando tempi e modi per bruciare le stoppie e limitare i danni creando fasce tagliafuoco.

Fu fondamentale per la viticoltura della Sardegna e per l'agricoltura. La “Carta De Logu” aveva fra i suoi obiettivi quello di sviluppare, favorire e incoraggiare la coltivazione della vite e la produzione di vino.

Per Eleonora controllare il potere fu un’importante scelta di vita.

Quando la Giudicessa riuscì a completare il sogno irredentista del padre riunendo quasi tutta l'isola sotto il suo scettro, vide però crollare l’obiettivo raggiunto in seguito alla pestilenza che si portò via i suoi sogni e la sua vita.

Il popolo sardo la ricorderà sempre come un’Eroina, Regina Guerriera e Saggia Legislatrice.

 

--

di Daniela Toti

 

 

Condividi i tuoi commenti con noi!